Ecofemminismo e questione animale: una introduzione e una rassegna – di a.z.

born

 

La “questione animale” ha accompagnato la riflessione femminista fin dai suoi esordi. Le appassionate campagne antivivisezioniste di Anna B. Kingsford, Frances Power Cobbe, Lizzy Lind af Hageby nell’Inghilterra vittoriana, hanno infiammato – attraverso opuscoli, volantini, immagini proiettate dalle lanterne magiche – ampi strati dell’opinione pubblica. A queste autrici, poco note o dimenticate, sarà dedicata una piccola antologia in uno dei prossimi numeri della rivista. In questa introduzione mi limito a tracciarne brevemente i profili.
Anna B. Kingsford si laureò in medicina nel 1880, rifiutandosi di praticare la vivisezione, con una tesi sull’alimentazione vegetariana e per tutta la vita si dedicò alla denuncia dello sfruttamento degli animali. Instancabile antivivisezionista, convinta suffragista, affermò:
Flesh-eating and vivisection are in principle closely related, and both are defended by their advocates on common premises, of which the catch-cries are Utility and the Law of Nature 1.
Frances Power Cobbe, scrittrice e riformatrice sociale di origine irlandese, femminista e lesbica, fondò nel 1875 la National Anti-Vivisection Society, e nel 1898 la British Union for the Abolition of Vivisection, entrambe tutt’ora attive. In uno dei suoi numerosi pamphlet contro la vivisezione, scrisse:
The vindication of the rights of the weak, it is not too much, I think, to insist that the practiceof vivisection, in which this tyranny of strength culminates, is a retrograde step in the progress of our race; a backwater in the onward flowing stream of justice and mercy, no less portentous than deplorable. 2
Lizzy Lind af Hageby, femminista e animalista di origine svedese, cofondatrice dell’Animal Defense and Anti-Vivisection Society, si infiltrò durante le lezioni di fisiologia alla facoltà di medicina a Londra, documentò la crudeltà della vivisezione, testimonianza che portò al Brown Dog Affair 3.

 

continua a leggere

 

This entry was posted in animalismo, antispecismo, ecofemminismo, ecovegfemminismo, liberazione, liberazione animale, veganismo and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento